In Parlamento In Parlamento
Soddisfazione da parte di Unacea per l'interrogazione parlamentare sulleemissioni delle macchine per costruzioni. In Parlamento

Soddisfazione da parte di Unacea per l’interrogazione parlamentare sulle
emissioni delle macchine per costruzioni.

L’interrogazione è stata presentata dall’On. Walter Rizzetto di Fratelli
d’Italia. Queste le sue parole riprese dall’ANSA: 
”In Italia non è
ancora iniziato un vero ricambio del parco veicoli, che restano in buona
parte inquinanti e obsoleti. I motori a basse emissioni sono da tempo
disponibili a tutela di salute e ambiente e vanno incentivati”.

L’interrogazione intende sollecitare interventi che consentano la
diffusione delle nuove tecnologie sul mercato, in particolare in
riferimento ai macchinari da costruzione. Questi veicoli – si legge
nella nota – continuano ad essere utilizzati anche nelle zone a traffico
limitato, indipendentemente dall’anno di produzione e quindi dal motore
installato, provocando un impatto in termini di emissioni.

Sulla questione è intervenuto anche l’assessore Emanuele Loperfido (FdI)
di Pordenone: “L’obiettivo della riduzione dell’impatto ambientale
necessita di una strategia a 360 gradi, che limiti l’utilizzo di vetuste
e inquinanti macchine movimento terra nel nostro territorio e in
particolare nei centri cittadini. Bisogna quindi favorire e incentivare
un meccanismo virtuoso di rinnovamento del parco macchine da cantiere”.

© Macchine Cantieri – Riproduzione riservata – Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni
sugli articoli pubblicati vanno inviate a:mc@macchinecantieri.com

In Parlamento Unacea associazioni

Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono essere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi