Riqualificare gli edifici in ambito urbano è un processo che impatta direttamente sulla salute dei cittadini e sul clima delle città. Eseguire una corretta... Gli effetti di una adeguata riqualificazione edilizia secondo Rockwool

Un’adeguata riqualificazione edilizia può produrre effetti positivi e benefici sia sulla salute dei cittadini che sul clima della città. Operare seguendo le corrette pratiche e utilizzando i giusti materiali è quindi fondamentale.

Sono molte le aziende che si stanno muovendo in tale ambito, a partire da quelle che costruiscono i macchinari utilizzati in edilizia (sviluppando attrezzature elettriche o a bassissimo impatto ambientale, per esempio), fino ad arrivare alle realtà che si occupano dello sviluppo di nuovi materiali edili, che sappiano coniugare caratteristiche di basso impatto ambientale a 360 gradi.

Su tale fronte si muove Rockwool, azienda dotata di una particolare sensibilità ecologica che ha deciso di condividere il problema e la responsabilità del cambiamento climatico che  è ormai una realtà tangibile. Occorre infatti una generale presa di coscienza che induca a invertire la rotta e a convertire i paesi energivori e distruttori delle risorse naturali, in propositivi artefici di nuovi modelli di vita più rispettosi della salute e del futuro della terra.

Mentre gli stati membri dell’UE sono impegnati ad osservare gli accordi di Kyoto e di Parigi, cercando di ridurre al massimo le emissioni entro il 2030, non possono quindi mancare  gli sforzi delle aziende nel condividere il problema e trovare le giuste soluzioni tecniche e tecnologiche.

“La popolazione urbana continua a crescere con una velocità senza precedenti, le città si trovano di fronte a nuovi problemi e a nuove sfide nell’ambito dei consumi energetici e del loro impatto sul clima. La riqualificazione energetica può offrire una valida soluzione, apportando tra l’altro benefici anche sulla salute e sul benessere di chi vive all’interno degli edifici” ha dichiarato Mirella Vitale, Senior Vice President Marketing, Communications and Public Affairs del Gruppo Rockwool. Proprio partendo da tale assunzione, il Gruppo si è posto in prima linea partecipando al progetto C40.

Gli effetti di una adeguata riqualificazione edilizia secondo Rockwool Rockwool ristrutturazioni riqualificazione lana di roccia Biosphera 2.0

COS’E’ IL PROGETTO C40?

Il C40 Cities Climate Leadership Group rappresenta 96 delle maggiori città mondiali, per un totale di 650 milioni di persone, pari a un quarto dell’economia mondiale. Il Gruppo si propone di combattere l’inquinamento delle città e indirettamente i cambiamenti climatici, proponendo modelli di comportamento virtuosi, finalizzati ad accrescere la salute, il benessere e le opportunità economiche della popolazione urbana. L’attuale presidente del C40 è l’attuale sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, mentre il sindaco di New York Michael R. Bloomberg è presidente del consiglio di amministrazione del Gruppo. L’attività del C40 è resa possibile dalla presenza di tre finanziatori strategici: Bloomberg Philantrophies, Children’s Investments Fund Foundation (CIFF) e Realdania.

Il Gruppo Rockwool ha avviato una ricerca in collaborazione con il C40 Cities Climate Leadership Group, per prendere in esame i livelli di inquinamento urbano indotti dalle emissioni di anidride carbonica e valutare quali positivi effetti potrebbero derivare da adeguati interventi di riqualificazione edilizia.

Nelle città prese in esame dalla ricerca, tra le quali compare anche Milano, si stima che il 60% delle emissioni sia da attribuirsi al consumo energetico degli edifici, che appartengono ancora in gran parte ad una classe energetica bassa.

La ricerca si propone di sviluppare un modello e una metodologia di analisi che possano diventare per le città un valido strumento per poter valutare i benefici indotti da potenziali interventi di riqualificazione energetica.

“Nelle nostre città cresce anche la consapevolezza che una maggiore attenzione ai consumi, all’isolamento acustico e all’aspetto estetico di un edificio contribuisce ad aumentarne il valore economico. La collaborazione tra Rockwool e C40 aiuterà le città a prendere coscienza di questi vantaggi”.

Jens Birersson, CEO del Gruppo Rockwool

L’impegno di Rockwool a favore dell’ambiente non si esaurisce certo con l’adesione al progetto C40. Coerentemente con tale impegno, il Gruppo sta portando avanti altri progetti testimonial di come è possibile vivere meglio e rispettare l’ambiente contemporaneamente. E dimostrando anche come tutto questo non sia contrario agli obiettivi imprenditoriali di un’azienda privata.

Progetto Biosphera 2.0

Gli effetti di una adeguata riqualificazione edilizia secondo Rockwool Rockwool ristrutturazioni riqualificazione lana di roccia Biosphera 2.0

Prosegue il progetto Biosphera 2.0 che dopo oltre 20 mesi di viaggio e 4.500 km percorsi in 10 diverse tappe è tornato a Milano in occasione del Fuorisalone.

Questa volta è stata l’elegante cornice di Piazza Castello ad ospitare, dal 17 al 22 aprile scorsi, la Casa della Energy Revolution: un contesto che ha contribuito a sottolineare la continuità ideale tra il passato delle vestigia storiche e il futuro dell’abitare sostenibile. 

Realizzata in soli 25 metri quadri secondo gli standard più evoluti PassivHaus e Minergie, Biosphera 2.0 è un’abitazione perfettamente autonoma dal punto di vista energetico, provvista di illuminazione a led, cucina a induzione, elettrodomestici, impianti di riscaldamento e raffrescamento, che utilizzano tecnologie e materiali di ultima generazione. Il modulo ha dimostrato di poter garantire in diverse situazioni ambientali una temperatura confortevole compresa tra i 21°C in inverno e i 25°C in estate ed è stato utilizzato anche come Laboratorio di ricerca, per monitorare e raccogliere dati sull’energia, sulla fisiologia umana e sulla progettazione biofilica.

Lana di roccia ROCKWOOL per isolare pareti e copertura

Ricordiamo che Rockwool ha collaborato attivamente al progetto, accanto ad altre aziende, come partner tecnico. Per isolare perfettamente il modulo, facendo sì che la temperatura, l’acustica e il comfort interno rimanessero invariati anche in condizioni climatiche estreme ed elevate sollecitazioni acustiche, si è scelto di utilizzare la lana di roccia Rockwool. In particolare per le facciate sono stati usati il sistema di isolamento a cappotto REDArt in abbinamento alla soluzione per l’isolamento e il rivestimento di facciate ventilate REDAir, per garantire un particolare effetto estetico. Per la copertura è stato invece utilizzato il pannello rigido in lana di roccia non rivestito a doppia densità Durock Energy. 

Le 7 forze della roccia

Gli effetti di una adeguata riqualificazione edilizia secondo Rockwool Rockwool ristrutturazioni riqualificazione lana di roccia Biosphera 2.0

Rockwool ha saputo abbinare alle proprie strategie di marketing i valori del rispetto e della sensibilità verso l’ambiente. E’ nata così “Le 7 forze della roccia”, il concept della nuova campagna di comunicazione Rockwool, basato su un concetto tanto semplice quanto vincente: trasformare una risorsa naturale come la roccia in prodotti che contribuiscono a migliorare il concetto stesso dell’abitare e lo stile di vita moderno. Proprio la sfida di Rockwool, impegnata in una costante ricerca su come adattare questa materia prima, la lana di roccia, alle crescenti necessità della nostra epoca per migliorare salute, comfort e benessere.  

Per il Gruppo Rockwool, che di recente ha festeggiato i suoi 80 anni di attività, la lana di roccia ha sempre rappresentato il punto di partenza per trasformare questa sfida in opportunità per contribuire a  risolvere le sfide più grandi con cui si confronta oggi il nostro pianeta: crescente urbanizzazione, scarsità di risorse, cambiamenti climatici, necessità di migliorare gli standard di salute e benessere della popolazione che, si stima, entro il 2030 sarà in parte concentrata in 41 megacittà con 10 milioni di abitanti ciascuna.

La lana di roccia mette a disposizione 7 diverse “forze” per aiutarci ad affrontare tali sfide:

Resiste a temperature oltre i 1000°C.

La lana di roccia Rockwool è estremamente resiliente al fuoco. Svolge un’azione di protezione impedendo la propagazione del fuoco e non contribuisce all’emissione di significative quantità di fumi tossici. Dai condomini ai grattacieli, dagli edifici industriali agli  edifici scolastici, le qualità naturali della roccia aiutano a costruire città sostenibili e sicure.

Riduce il consumo di  energia ottimizzando il microclima e la temperatura interna.

La lana di roccia Rockwool migliora le condizioni di vita e di lavoro, rendendole più salutari e confortevoli e contribuendo al benessere delle persone. E’ inoltre un materiale permeabile al vapore e consente all’umidità di passare attraverso i muri e fuoriuscire. In questo modo gli edifici sono protetti dai danni derivanti da muffa e umidità.

Blocca, assorbe o migliora i suoni.

Le aree ad alta densità abitativa sono spesso molto rumorose, con un impatto negativo sugli abitanti e sulla loro salute. La lana di roccia Rockwool “abbassa il volume” delle città: la sua struttura a celle aperte contribuisce all’assorbimento acustico, rendendo silenzioso anche l’habitat più rumoroso. 

Garantisce performance e stabilità migliori, con costi più bassi.

La lana di roccia Rockwool mantiene la sua forma e conserva la sua resistenza, indipendentemente dalle variazioni di temperatura e umidità. Questa stabilità dimensionale garantisce prestazioni invariate nei decenni, consentendo un risparmio nei costi di manutenzione per tutta la vita di un edificio.

Coniuga performance ed estetica.

Oltre alle prestazioni tecniche, con le soluzioni in lana di roccia Rockwool per facciate è possibile progettare realizzazioni particolarmente ambiziose anche sotto il profilo estetico.

Gestisce la nostra risorsa più preziosa.

I prodotti Rockwool sono ingegnerizzati per assorbire l’acqua o fungere da barriera contro di essa. La lana di roccia viene utilizzata sia come isolante, dove viene valorizzata la sua funzione idrorepellente, ma anche in alcune forme  idroponiche di orticoltura innovativa, dove può contribuire ad affrontare le sfide alimentari e idriche: coltivando su substrati in lana di roccia (Grodan) si può utilizzare il 75% di acqua in meno rispetto alle tradizionali colture in terra.  

E’ un materiale riciclabile e riutilizzabile

La lana di roccia può essere infine riciclata all’infinito: quando un edificio viene demolito o ristrutturato, essa può essere impiegata per realizzare nuovi pannelli. In questo modo Rockwool  contribuisce all’economia circolare e alla realizzazione di città sostenibili.

Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono essere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi