Iveco ha ospitato il convegno promosso dall’Osservatorio Contract Logistics di Milano: i maggiori player della logistica italiana a confronto sui temi della digitalizzazione e... Digitalizzazione e sostenibilità al CNH Industrial Village con Iveco

IVECO ha ospitato il convegno promosso dall’Osservatorio Contract Logistics di Milano: i maggiori player della logistica italiana a confronto sui temi della digitalizzazione e della sostenibilità.

Il convegno “Ambiti di innovazione nella logistica: esperienze a confronto” organizzato dall’Osservatorio Contract Logistics della School of Management del Politecnico di Milano si è tenuto lo scorso 30 gennaio. A tenere a battesimo il convegno Iveco, che lo ha ospitato presso il CNH Industrial Village: un luogo in cui intraprendere un viaggio alla scoperta dell’eccellenza industriale di Iveco e di tutti i brand CNH Industrial, un complesso polivalente che ha accolto gli oltre 300 partecipanti iscritti all’evento, e ha permesso a tutti di conoscere da vicino anche i prodotti Iveco, con un focus particolare sulla gamma sostenibile del Brand torinese.

A dare il benvenuto a tutti gli iscritti, Mihai Radu Daderlat, Business Director del Mercato Italia di Iveco, che ha illustrato le direzioni di sviluppo del brand in un quadro di sempre maggiore attenzione all’impatto ambientale, dichiarando: “E’ un grande piacere ospitare questo convegno a casa IVECO, perché queste iniziative di sistema sono una importante finestra da cui osservare e capire le esigenze dei nostri clienti e adeguare la nostra strategia per essere vicini alle reali necessità del mercato. Tra queste la sostenibilità è diventata negli ultimi anni un valore su cui puntare ed investire. Coerentemente con questo approccio di fare sistema e creare partnership, IVECO si propone sul mercato come il partner per un trasporto sostenibile e vincere le sfide di oggi.”

Al convegno sono intervenuti, fra gli altri, Renzo Sartori, Vice Presidente e Responsabile Rapporti con le Università e i Centri di Ricerca di Assologistica, Giovanni Ossola, Presidente sezione Trasporti dell’Unione Industriale di Torino e Carlo Rafele del Politecnico di Torino.

Marco Melacini, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Contract Logistics, ha osservato in apertura come gli operatori logistici stiano rispondendo positivamente ai cambiamenti in atto nel settore, sollecitati da un lato dal mutamento del comportamento degli utenti, che richiedono processi sempre più omnicanale e personalizzati, e, dall’altro, dall’introduzione delle nuove tecnologie a ritmi sempre più accelerati.

Fil rouge che ha legato i temi toccati nel corso della mattinata sono infatti le soluzioni innovative messe in campo dagli operatori logistici per affrontare tali cambiamenti e ridurre l’impatto ambientale e dei consumi energetici: dai motori a gas naturale liquefatto (LNG), campo d’azione della pionieristica attività di Iveco, alle app per tracciare le consegne, passando per i carrelli con batterie agli ioni di litio, le consegne brandizzate e la riorganizzazione dei magazzini.

L’Osservatorio ha anche affrontato temi strettamente correlati con l’aspetto delle soluzioni, come la relazione di outsourcing – dove si registrano un passaggio da un approccio basato sui costi ad uno basato sulla qualità del servizio, una progressiva riduzione del numero di fornitori, l’estensione della durata dei contratti di collaborazione e la scommessa su fornitori che diventino in grado di supportare il committente in tutti gli aspetti logistici, in un’ottica di terziarizzazione strategica -, l’esigenza di servizi sempre più personalizzati, che sottende anche il miglioramento della gestione dell’ultimo miglio.

L’edizione 2017 dell’Osservatorio ha analizzato in particolare il settore dell’AgriFood, concentrandosi su 100 imprese dei comparti Olio e Ortofrutta con un fatturato maggiore di 50 milioni di euro. Dalla ricerca emerge che nel settore AgriFood l’incidenza della logistica conto terzi è superiore alla media generale del settore logistico, con un grado di terziarizzazione pari al 60%: dal momento che pochissime aziende sono dotate di una flotta propria per la movimentazione merci, i trasporti sono quasi completamente terziarizzati, mentre si preferisce ancora una gestione in proprio per i magazzini.

La ricerca ha mostrato che la necessità di una maggiore consapevolezza del valore dell’outsourcing logistico offre ampie opportunità di crescita per lo sviluppo di una logistica integrata, capace di rafforzare visibilità e tracciabilità lungo tutta la filiera.

Iveco, che attraverso l’intervento di Fabio Pellegrinelli, Gas Business Development Manager, era stata coinvolta come attore protagonista già nell’evento del 7 novembre scorso sul tema delle trazioni alternative per la sua esperienza ventennale di ricerca ed investimenti, in questa occasione è stato lieto di fare le veci del padrone di casa e di dare continuità di contenuti anche attraverso il CNH Industrial Village, “contenitore di idee” e luogo di scambio e confronto dove Iveco  ha dimostrato di essere ancora una volta – e ancora di più – “il tuo partner per un trasporto sostenibile” . La risposta del brand ai quesiti sulla sostenibilità sollevati dal convegno sta nell’intera gamma di veicoli alimentati a carburanti alternativi, capaci di ridurre del 90% le emissioni di particolato, del 35% l’emissione di ossidi di azoto e del 10-15% quella di anidride carbonica; grazie ai minori consumi, inoltre, permettono di limitare del 20% il costo del carburante stesso.”.

Questo sito utilizza cookie tecnici. Possono essere inviati cookie da terze parti destinati al solo scopo statistico la cui raccolta di dati è riferita esclusivamente all'uso di questo sito. Continuando la navigazione accetti tacitamente l'uso dei cookie indicati. Informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi